DESTINAZIONI Merano e dintorni Val Passiria Val d'Ultimo Val Venosta Val Senales Giardino del Sudtirolo Val Sarentino Altipiano Renon Bassa Atesina Valle Isarco Val Gardena Altipiano Sciliar Val d'Ega Val Pusteria Val Badia Valle Aurina ATTIVITÀ Cultura Musei Castelli Sport Escursioni Zone sciistiche Gastronomia Manifestazioni ALLOGGI Alloggi Cerca albergo Last Minute Offerte ALTO ADIGE Località Aree turistiche Parchi Naturali Come arrivare Impressioni Webcam Meteo
Pfossental - Val di Fosse

Masi e malghe in Val di Fosse

Casera di Fuori, "Bachhaus", Casera di Mezzo, Maso "Gampl", "Rableid" e Maso Gelato, in origine tutti masi indipendenti ed a conduzione autarchica. Gli abitanti vivevano isolati tutto l'anno, conducendo una vita solitaria. Nei masi era necessario procurarsi tutto autonomamente. L'estate era il momento per preparare le scorte per il lungo inverno. La vita tra le montagne della Val di Fosse in Alto Adige era faticosa e piena di pericoli.

Il termine "casera" è mutuato dal romanico "casa". Esso risale però anche ai tempi dei Reti e nel territorio delle Alpi austro-bavaresi significava semplicemente "produttore di formaggio".

Casera di Fuori (1693 m)

Casera di Fuori
Casera di Fuori

Casera di Fuori è citata per la prima volta nei documenti nel 1410. Posta a 1693 m, fu un regno "autarchico e indipendente", o almeno così fu nei primi tempi. Nel 1827 Casera di Fuori fu in parte distrutta da una valanga, nove persone furono travolte, due di loro rimasero uccise.

Bachhaus

"Bachhaus", un piccolo podere alle pendici del Monte Rosso, era considerato il maso più protetto dalla caduta delle valanghe di tutta la Val Senales, eppure proprio una slavina suggellò il suo destino circa 150 anni fa. Oggi solo pochi resti di mura ne testimoniano la passata esistenza.

Casera di Mezzo (1954 m)

Casera di Mezzo
Casera di Mezzo

Casera di Mezzo e l'odierna malga Rableid furono vendute già nel 1308 dalla Diocesi di "Feising" all'Abbazia di "Stams" (l'atto di vendita originale si trova presso l'Abbazia di "Stams"). Quindi esse furono probabilmente costruite già nel XIII secolo. Posto di ristoro.

Maso Gampl

Maso "Gampl" fu costruito in basso vicino al torrente, per quanto possibile in posizione protetta dalle valanghe. Un muro di pietra protegge il fienile e la casa dal pericolo. Fino al 1910 era abitato tutto l'anno e gestito come "Albergo alpino Gampl". In seguito la famiglia con numerosi figli si trasferì a Certosa.

Maso Rableid (2004 m)

Maso Rableid
Maso Rableid

Maso "Rableid", la cui esistenza è documentata dal 1290, fu abbandonato nel 1876 e da allora è utilizzato solamente per l'alpeggio. La malga fu distrutta da una slavina nel 1986. La malga è stata poi ricostruita in modo esemplare. Posto di ristoro e possibilità di pernottamento.

Maso Gelato (2076 m)

Maso Gelato
Maso Gelato

Maso Gelato era il maso, o "casa di alpeggio", situato più in alto in Val Senales. Ancora fino al 1897 era abitato tutto l'anno. Nel marzo 1973 la malga bruciò. L'attuale edificio è stato ricostruito dopo il 1981. Posto di ristoro e possibilità di pernottamento.