Villa Ottone

Villa Ottone in Val Pusteria

Villa Ottone (837 m) si trova in Val Pusteria (Alto Adige). In estate è possibile tuffarsi nell'avventura del rafting che ha reso famosa la Valle di Tures e la Valle Aurina.

Da Villa Ottone si sale verso l'insediamento rurale dei masi di Rio Lana (1560 m, Lanebach) probabilmente i più impervi di tutta la provincia. Un ripido sentiero franoso passa attraverso i masi "Anewandt" e conduce al pianoro "Wechseleben" (1500 m) da dove si gode un panorama stupendo. Il sentiero prosegue fino a 1700 metri.

Alloggi
Val Pusteria
Alloggi
Vai alla pagina
Escursioni
Val Pusteria
Escursioni
Vai alla pagina
Ciclabile
Val Pusteria
Ciclabile
Vai alla pagina

All'epoca feudale ricorda la residenza "Stock" sotto la giuridizione dei Signori von Wenzel. Successivamente passò sotto la baronia dei Von Sternbach signori di Stock e Lutago. Proprietà trasformata da loro nel 1624 nella forma attuale e di cui ne sono ancor oggi i proprietari.

I ruderi del castelletto a Villa Ottone si trovano su uno sperone roccioso scosceso su due lati. In alto il mastio da cui si dipartono le mura di cinta, più in basso il palazzo e la cappella.

Chiesa parrocchiale di Villa Ottone

La chiesa parrocchiale di Villa Ottone si erge maestosa in paese ed è consacrata a S. Margherita. Originariamente era romanica, fu poi goticizzata. Possedeva anche un preziosissimo altare del cosiddetto "Maestro di Villa Ottone" (ca. 1430 - 1480), di cui non si conosce oggi il vero nome.

Viene considerato uno dei maggiori maestri del periodo gotico e si suppone possa essere stato maestro del grande Michael Pacher.

Conosciuto per i suoi dipinti su tavole da ammirare presso l'abbazia di Novacella e i musei di Vienna e Innsbruck. La chiesa si trova nel luogo in cui sorgeva una chiesa assai più antica (prima citazione nel 1175). Nel 1772 fu distrutta da un fulmine e si decise di costruirne una nuova. Essa doveva essere più grande della precedente.

Fu edificata nel 1774 in stile barocco. Gli affreschi della volta e la Via Crucis sono di Franz Zeiler. Gli altari sono opere degne di nota del XIX secolo. La pala d'altare è una copia di quella di S. Agnese nella chiesa del seminario di Bressanone e rappresenta S. Margherita. Le statue sull'altare maggiore raffigurano S. Gioacchino e S. Anna (XIX secolo).

Le origini di Villa Ottone

Villa Ottone fu citata per la prima volta nell'anno 970 in una lettera di permuta. Intorno al 1100 vengono citati i nobili di Uttenheim che costruirono il loro castello su uno sperone roccioso sopra il paese. Una generazione più tardi essi compaiono poi quali ministeriali (vassalli) dei Signori di Tures. Nel Medioevo a Villa Ottone passava il confine di Tures (Tirolo) e di Villa Ottone / Canova (Gorizia).

In inverno

Le aree sciistiche della Val Pusteria si trovano in Valle Aurina, in Val Badia, in Valle di Braies, a Brunico, a San Vigilio di Marebbe, a Dobbiaco ed a Sesto.

Durante l'inverno si possono raggiungere i vicini comprensori sciistici della Valle Aurina (Klausberg e Speikboden) e di Plan de Corones.

Dolomiti
Le Dolomiti

Escursioni in luoghi magici e di una tale bellezza da lasciare senza fiato

Vai alla pagina
Tre Cime di Lavaredo
Tre Cime di Lavaredo

Il giro delle Tre Cime, un'escursione meravigliosa e facile

Vai alla pagina
Oberlechner
Hotel Oberlechner

Su un altipiano soleggiato con splendida vista sulla Val Pusteria

Vai al sito
Alta Via di Merano
Alta Via di Merano

Il sentiero 24 conduce lungo il Parco Naturale del Gruppo di Tessa

Vai alla pagina