Sassopiatto

Escursione verso il Sassopiatto

La montagna Sassopiatto (2969 m) fa parte del gruppo delle Dolomiti e si trova tra l'Altipiano dello Sciliar e la Val Gardena, vicino al Sassolungo, in Alto Adige.

Come si capisce dal nome la montagna è quasi piatta su un lato, sul lato opposto invece è molto ripida.

L'escursione verso il Sassopiatto è abbastanza lunga per cui serve una buona condizione.

Ci sono due possibilità per raggiungere l'Alpe di Siusi: o con la cabinovia Siusi - Alpe di Siusi che parte da Siusi o in auto arrivando fino al parcheggio a pagamento direttamente sull'Alpe di Siusi.

Alloggi
Altipiano dello Sciliar
Alloggi
Vai alla pagina
Escursioni
Altipiano dello Sciliar
Escursioni
Vai alla pagina
Alloggi
Val Gardena
Alloggi
Vai alla pagina

Da tener presente che la strada di collegamento rimane chiusa al traffico durante l'intera giornata per cui consiglierei di salire in cabinovia.

Arrivati sull'Alpe di Siusi prendiamo l'autobus che ci porta fino al capolinea (Saltria) dove si trova la stazione a valle della seggiovia Florian (1687 m - 2100 m). Da qui saliamo con la seggiovia fino alla Williams Hütte (2100 m).

Il paesaggio tutto intorno è bellissimo e dalle nuvole basse emergono le cime delle montagne. Davanti a noi vediamo già il Sassopiatto.

Iniziamo l'escursione verso il Sassopiatto lungo il sentiero numero 9. Per arrivare al Rifugio Sasso Piatto occorrono ca. 50 minuti.

Rifugio Zallinger
Rifugio Zallinger

All'inizio percorriamo una strada forestale, alla nostra destra vediamo il Rifugio Zallinger (2037 m).

Successivamente saliamo lungo un sentiero passando sui prati e giungiamo vicino alla malga Murmeltier Hütte (2132 m). Poi il sentiero continua nuovamente sulla strada forestale.

10 minuti prima di arrivare al Rifugio Sasso Piatto incrociamo il sentiero 527 che conduce verso il Rifugio Vicenza al Sassopiatto (2253 m, 1.40 ore) ed il Passo Sella (3.10 ore). Si tratta di un percorso panoramico ai piedi del Sassopiatto.

Arrivati in cima vediamo il Rifugio Sasso Piatto (2300 m) su di un grande prato. Fino a qui abbiamo impiegato ca. 50 minuti. Da qui occorrono ancora 2 ore di cammino per raggiungere la croce del Sassopiatto lungo il sentiero 527.

Sassopiatto
Sassopiatto

Continuiamo l'escursione lungo il sentiero 527 passando lungo i prati e dopo 10 minuti il terreno cambia: terra e sassi.

Successivamente percorriamo un sentiero sassoso ed iniziamo la salita verso la vetta. Il sentiero non è molto ripido ma è in continua salita.

La vista panoramica
La vista panoramica

La vista panoramica alle nostre spalle è stupenda, più saliamo, più visibili diventano le cime delle montagne.

Però salendo non si riesce mai a vedere la croce del Sassopiatto per cui non si riesce mai a capire dove bisogna andare.

Arrivati in cima alla montagna, il sentiero svolta a sinistra e finalmente si intravvede la croce del Sassopiatto.

La vista verso sud dalla cima del Sassopiatto
La vista verso sud dalla cima del Sassopiatto

Proseguiamo a camminare e salire poco sotto alla cresta della montagna e giungiamo ad un valico.

Alla nostra destra sale la Via Ferrata che proviene dal Rifugio Vicenza al Sassopiatto.

La vista verso est dalla cima del Sassopiatto
La vista verso est dalla cima del Sassopiatto

Ormai non manca più molto. Oltrepassaimo il valico e saliamo ancora per ca. 20-30 metri e raggiungiamo la vetta del Sassopiatto 1.20 ore dopo aver lasciato alle nostre spalle il Rifugio Sassopiatto.

Informazioni
Dettagli escursione:

Williams Hütte - Rifugio Sassopiatto: 0.50 ore
Rifugio Sassopiatto - Sassopiatto: 2.00 ore


Salita: 2.50 ore

Dislivello: 869 m

Discesa: 2.10 ore


Tempo totale: 5.00 ore

Tre Cime di Lavaredo
Tre Cime di Lavaredo

Il giro delle Tre Cime, un'escursione meravigliosa e facile

Vai alla pagina
Alpe di Siusi
Altipiano Sciliar

Un superbo scenario dolomitico: il Sassolungo ed il Sassopiatto

Vai alla pagina
Alpin Royal
Hotel Alpin Royal

Rifugio benessere elegante con charme e cordialità

Vai al sito
Lago di Monticolo
Bolzano dintorni

Le vie ciclabilie, il lago di Caldaro, il Grande ed il Piccolo Lago di Monticolo, i castelli

Vai alla pagina