Alloggi Hotel benessere Last Minute
Località Come arrivare Meteo
Musei Escursioni Aree sciistiche Manifestazioni
Wandern - Escursioni

Escursioni, malghe e rifugi in Val Venosta

Numerose passeggiate e sentieri invitano in ogni stagione dell'anno a fare escursioni verso le malghe e verso le cime delle montagne della Val Venosta. Sentieri facili e più impegnativi per ogni esigenza.

In Val Venosta si trovano il Parco Nazionale dello Stelvio (con qualche vetta oltre i 3000 metri come l'Ortles) ed il Parco Naturale Gruppo di Tessa. Escursioni sul Monte Sole, sul Monte Tramontana, arrampicate sul massiccio dell'Ortles e del Cevedale.

Il limite del bosco è vicino. Lungo il corso del ruscello si osservano magnifici rododendri. Il panorama non teme confronti ed in lontananza si intravvede già la croce di vetta. Ma non è sempre necessario spingersi così in alto (Similaun, L'Orecchia di Lepre, Punta di Finale) per vivere emozioni forti. Innumerevoli sono le possibilità di effettuare piacevoli passeggiate lungo sentieri escursionistici ottimamente segnati.

Ogni escursione in montagna trova la sua degna conclusione davanti ad una merenda a base di speck. Una gustosa mela della Val Venosta non deve mai mancare nello zaino. Il tipico pane della Val Venosta, il "Vinschgerl", accompagna ogni pasto della giornata.

Durante un'escursione in Val Venosta è facile imbattersi in lunghi e stretti canali d'acqua (rogge), affiancati da sentieri che servivano per la loro manutenzione. Oggi la rete di Waalweg è molto utilizzata per piacevoli passeggiate lungo le rogge.

La zona escursionistica Watles, sopra il piccolo insediamento di Prämajur offre un'infinità di splendide passeggiate ed escursioni.

Alcune escursioni con punto di partenza a Maso Corto in Val Senales.

Il Nordic Walking Park: in Val Venosta ci sono 3 percorsi per Nordic Walking.

Cima Salèz

La Cima Salèz (2998 m), anche detta Cima delle Pecore a causa del suo profilo arrotondato, si trova nella meravigliosa Valle Vallelunga, una valle laterale della Val Venosta, sulla linea di confine tra l'Italia e l'Austria.

Punta della Vedretta

La Punta della Vedretta (3289 m) è una montagna che fa parte del gruppo delle Alpi Venoste in Val Senales e si trova al confine tra l'Italia e l'Austria.

La cascata di Parcines

La cascata di Parcines è un grandioso spettacolo naturale, una delle più impressionanti cascate alpine. La cascata è comodamente raggiungibile a piedi da Parcines in ca. 1.5 ore.

Rifugi in Val Venosta

Funivie

La funivia San Martino in Monte arriva a 1740 metri nel paradiso delle escursioni. La stazione a valle si trova vicino a Laces. Sentieri montani ed escursioni alpinistiche.

La funivia panoramica Texel conduce da Parcines a Gigglberg (1544 m), direttamente sull'Alta Via di Merano nel Parco Naturale Gruppo di Tessa.

La funivia Rio Lagundo conduce da Rablà a Rio Lagundo (1352 m) direttamente nel centro escursionistico Monte Tramontana e Monte San Vigilio.

La funivia Unterstell conduce escursionisti ed alpinisti da Naturno, frazione Kompatsch, verso Unterstell, un punto di partenza ideale per bellissime escursioni sul Monte Sole di Naturno e nel Parco Naturale del Tessa.

Sul ghiacciaio a oltre 3000 metri di altitudine con la funivia della Val Senales.

Cima Marzola (2929 m)

Da S. Martino in Monte (1740 m) attraverso l'Alpl (2000 m), seguire i sentieri n. 6/8/9 fino a raggiungere la croce di vetta. Stupenda vista panoramica sui Ghiacciai del Massiccio dell'Ortles.

Tempo di percorrenza: 3 ore

Dislivello: 1989 m

Punta di Lasa (3305 m)

La Cima Lasa non è solo una delle vette più notevoli del Gruppo dell'Ortles, ma è una delle più suggestive delle Alpi orientali. Incanta in modo perticolare il panorama che abbraccia l'intera Val Venosta dalla brughiera di Malles a Merano. Da Pradistallo all'entrata della Val Martello (1950 m) seguire il sentiero n. 5 fino a raggiungere la croce di vetta. Escursione ideale per ammirare l'alba.

Tempo di percorrenza: 7-8 ore

Dislivello: 1355 m

Rifugio Sesvenna - Gola d'Uina

Partendo da Slingia si passa attraverso la valle di Slingia, vicino all'Alp Planbell fino a che si raggiunge il Rifugio Sesvenna (2258 m). Si prosegue poi verso il Passo di Slingia, il valico di frontiera con la Svizzera, e da qui si scende verso il punto di accesso di un sentiero unico lungo 900 metri che fu scavato nella roccia tra gli anni 1908 e 1910. A ca. 1 ora dal rifugio Sesvenna. Si torna al punto di partenza lungo il sentiero dell'andata.

Tempo di percorrenza: ca. 5-6 ore

Dislivello: ca. 1100 m

Rifugio Genziana - Rifugio Nino Corsi - Rifugio Martello

Il sentiero che collega il Rifugio Genziana, il Rifugio Nino Corsi (2265 m) ed il Rifugio Martello (2610 m) è sicuramente il più percorso di tutta la Val Martello. Vale la pena di recarsi fino al Rifugio Martello, non solo perchè è abbastanza vicino al massiccio del Cevedale, ma anche perchè da qui si può ammirare il Gran Zebrù, che curiosamente si presenta in una forma molto simile a quella del Cervino visto da Zermatt.

Tempo di percorrenza: ca. 5 ore

Val della Pedra - Martello

Escursione circolare nel Parco Nazionale dello Stelvio. Dal Rifugio Genziana (2076 m) seguire i sentieri n. 20 e 33. Ritorno lungo il sentiero n. 10 fino alla malga di Livi. Da qui seguire la strada forestale fino al punto di partenza. Escursione che permette di vivere allo stato puro. Un'escursione in una valle poco frequentata dei Monti di Lasa, cioè del massiccio tra la Val Venosta, la Val Martello e la Valle di Solda. La Val di Pedra sembra creata appositamente per gli amanti della solitudine o per persone che vogliono conoscere un'alta valle che abbia mantenuto il proprio stato originario.

Tempo di percorrenza: 4-5 ore

Dislivello: 408 m

Escursione delle 3 malghe

Malga di Tarres, malga di Laces e malga Morter al Monte Tramontana con la seggiovia Malga di Tarres a Laces. Dalla stazione a monte della seggiovia Malga di Tarres seguire il sentiero n. 9 fino alla malga di Laces. Da qui seguire il sentiero n. 12 per raggiungere la malga Morter passando per Töbrunn. Scendere lungo il sentiero n. 14. Con l'autobus si ritorna a Laces.

Tempo di percorrenza: 5 ore

Dislivello: 1200 m

Laces - Töbrunn - Malga di Laces

Dal palazzo del ghiaccio a Laces si procede per la "Rehpromenade" fino al Jägersteig. Si segue poi la segnaletica n. 4 per Töbrunn (1718 m), un antico luogo di villeggiatura estiva della comunità di Laces. Da qui parte una strada forestale per la malga di Laces e la malga di Tarres.

Tempo di percorrenza Laces - Töbrunn: 2.30 ore

Tempo di percorrenza Töbrunn - malga di Laces: 0.30 ore

Malga di Tarres - Laghi del Covolo

Punto di partenza: malga di Tarres in direzione Passo di Tarres. Dalla Zirmruanhütte seguendo l'indicazione del percorso n. 15, si raggiungono i laghi del Covolo (2405 m).

Tempo di percorrenza: ca. 3 ore

Malga di Tarres - L'Orecchia di Lepre

Dalla malga di Tarres seguiamo l'indicazione n. 1 fino alla croce propiziatoria. Qui proseguiamo sul sentiero n. 2A che conduce direttamente al ghiacciaio de L'Orecchia di Lepre. Adatto soltanto ad esperti e persone non soggette a vertigini.

Tempo di percorrenza: ca. 4 ore

Latschander e Schnalser Waalweg

Escursione lungo i canali di irrigazione di Laces e Senales. Dalla rotonda di Laces seguire il sentiero "Latschander" fino a Castelbello. Proseguire lungo il "Schnalser Waal", sentiero n. 3, fino a Castel Juval. Discesa verso Stava e ritorno con il treno della Val Venosta.

Tempo di percorrenza: 3 ore

Dislivello: 300 m

Le malghe sul Monte Tramontana

Le malghe sul Monte Tramontana di Naturno: malga di Naturno (ca. 1.30 ore), malga Alt (malga Zetn, ca. 0.40 ore), malga Mausloch (malga Frantsch, ca. 1.45 ore) sono raggiungibili con la carrozzina percorrendo la strada forestale (non asfaltata) partendo dal parcheggio Kreuzbrünnl. Per raggiungere la malga di Tablà bisogna raggiungere il parcheggio passando Ciardes/Tomberg e Kalthaus. Da qui si prosegue per ca. 1.30 ore fino alla malga.