Alloggi Hotel benessere Last Minute
Località Come arrivare Meteo
Musei Escursioni Aree sciistiche Manifestazioni
Ahrntal - Valle Aurina

Le leggende della Valle Aurina

Così come tutto l'Alto Adige, anche la Valle Aurina è ricca di storie e leggende. Ovviamente non sarà possibile raccontarle tutte ma proveremo a riportare le più significative.

La chiesa di San Pietro

Chiesa di San Pietro in Valle Aurina
Chiesa di San Pietro

Si racconta che gli abitanti di San Pietro, molto pii e religiosi, volevano che la chiesa venisse costruita in un bel posto pianeggiante della valle, vicino al Grießerhof. I lavori però proseguivano a rilento dato che gli operai e i carpentieri si infortunavano spesso.

Ignorando le difficoltà i lavori proseguirono finchè un giorno videro alcune rondini volare con trucioli di legno insanguinati nel becco. Le rondini volarono su una roccia e vi posarono i trucioli. Questo venne interpretato come il luogo dove costruire la chiesa, ed è per questo che la vediamo su una roccia.

Il ghiacciaio si muove

Vicino alla Forcella del Picco, verso Predoi molto tempo fa c'era un grande bosco. Serviva molto legno per la miniera e così vennero abbattuti molti alberi. La contadina del rifugio Kerra predisse che sarebbe diventato molto freddo, perchè non c'era più il bosco a proteggere dal vento gelido dei Tauri. I ghiacciai avanzarono così in modo tale che oggi non si vede più il sole al rifugio Kerra, dove prima splendeva sempre.

Storia macabra

Si racconta una storia strana accaduta a San Pietro. Una fredda notte d'inverno un uomo della Pinzgau, una valle dell'Austria, bussò alla porta del maso Duregger chiedendo cibo e riparo. Il contadino rispose che sarebbe potuto rimanere, a condizione che prima battesse con il suo violino sul portone e chiamasse i morti dalle loro tombe. Se ci fosse riuscito avrebbe ricevuto in cambio una mucca. L'uomo eseguì, i morti uscirono dalle loro tombe e uno dei defunti chiese all'uomo se avesse eseguito l'ordine solo per ricevere la mucca. Alla risposta affermativa l'uomo venne assalito dai morti e fatto in mille pezzi.

La sera seguente la storia si ripetè: un uomo della Pinzgau gli pose la stessa condizione. L'uomo fece come detto e i morti gli rifecero la stessa domanda; questa volta però egli rispose di averlo fatto solo per non morire di freddo di fame, a loro però egli augurava di riposare in pace. Nel cimitero ci fu silenzio e l'uomo trovò riparo nel maso. Il giorno dopo l'uomo trovò una bella mucca, nessuno seppe mai da dove provenisse. Comunque non apparteneva al contadino.