Alloggi Hotel benessere Last Minute
Località Come arrivare Meteo
Musei Escursioni Aree sciistiche Manifestazioni
Jaufenburg - Castel Giovo

Castel Giovo, sede distaccata del MuseoPassiria

La torre di Castel Giovo, sede distaccata del MuseoPassiria, è aperta al pubblico e mostra la storia del castello e della valle.

Nella torre vengono trattati i temi della storia del castello, della giustizia in Val Passiria, dei masi scudo, dei Signori della Passiria e dei Conti Fuchs.

L'ultimo piano, con la sua eccezionale vista sull'intera valle fino a Merano, ospita una postazione audio con numerose leggende su Castel Giovo.

Di particolare interesse sono i preziosi affreschi rinascimentali del 1538 collocati al quarto piano. Al quinto piano si gode una stupenda vista sulla Val Passiria.

Il mastio restaurato ed adorno di affreschi è visitabile con guida.

Castel Giovo si può raggiungere a piedi in ca. 20 minuti partendo dal ponte del centro di S. Leonardo e percorrendo la Via del Giudizio o la "passeggiata del sole". È raggiungibile in auto percorrendo la Via Castello.

Il Castel Giovo, che sovrasta San Leonardo in Passiria, fu costruito nel XIII-XIV secolo dai Signori della Passiria, era un tempo un magnifico maniero. Nel 1418 passò ai conti Fuchs che nel XV secolo divennero una delle famiglie nobili più potenti del Tirolo.

Sulla sommità di un colle (803 m) aveva sede un sito preistorico che mostra grande continuità: frammenti di ceramica, monete romane, oggetti medioevali.

I Signori di Passiria costruirono qui nel 1300 una torre fortificata che divenne poi un castello di grande importanza strategica: da qui passava la via che conduceva a Castel Tirolo. Dopo alterne vicende, a partire dal XVIII sec. iniziò il declino del castello.

La Cappella della Santa Croce

Secondo la leggenda, come ringraziamento per il felice ritorno a casa dal pellegrinaggio in Terra Santa, nel 1531, Hildebrand Fuchs fece costruire la Cappella della Santa Croce. Degen Fuchs II la fece dipingere. Il conte Carl Fuchs "il buon signore del Castel Giovo" la fece ristrutturare. La cappella fu consacrata il 3 maggio 1652.